LA PIRA E DON MILANI NEL PANORAMA CATTOLICO E CIVILE FIORENTINO ALLA METÀ DEL '900 (POF 2013 2014)

Scritto da Stefano Degl'Innocenti. Inserito in LA PIRA E DON MILANI

TITOLO PROGETTO
“LA PIRA E DON MILANI NEL PANORAMA CATTOLICO E CIVILE FIORENTINO ALLA METÀ DEL '900”
Linee Guida 2013 2014
• Religioni
Tipologia
Progetto avente natura annuale
DOCENTE RESPONSABILE
NOCENTINI LUISA
ANALISI DEI BISOGNI
Il progetto nasce dalla consapevolezza che nella formazione umana dei nostri ragazzi rappresenta una grande ricchezza attingere a personaggi significativi della storia, che in essa hanno lasciato una traccia sia per il loro pensiero che per l' esempio di vita. Il percorso che faremo prevede la conoscenza di due personalità importanti del '900, la cui presenza ha segnato in diversi modi il secolo scorso e in particolare la città di Firenze: essi sono Giorgio La Pira e don Lorenzo Milani, che insieme ad altri hanno contribuito al fiorire di una particolare vivacità culturale e spirituale nella Firenze del '900. Questo significa anche riscoprire parte della storia della nostra città, e attraverso gli scritti e le scelte dei due personaggi, confrontarsi con le risposte che hanno offerto e col loro modo di concepire l'uomo, la società, la città, il mondo.
DESTINATARI
avvalentesi all'IRC delle classi quinte
FINALITÀ
Maturare una propria visione della vita a partire dal confronto con modelli significativi
OBIETTIVI
.Conoscere la vita e il pensiero di Giorgio la Pira e don Lorenzo Milani
.Conoscere una parte importante della storia di Firenze legata alla presenza di queste due personalità
.Maturare un senso di partecipazione alla vita sociale e responsabilità verso gli altri
.Sapersi confrontare su temi come la coscienza, la libertà, la responsabilità, la povertà, le scelte di vita.
.Cogliere il Concilio Vaticano II come approdo di un percorso di rinnovamento di cui anche la Pira e Milani hanno fatto parte.
.Introdursi alla questione del rapporto fra la Chiesa e il mondo
COLLABORAZIONI
Collaborazione con la Fondazione don Lorenzo Milani (presidente Michele Gesualdi)
DURATA
intero anno scolastico
Fase 1
1 ora
Introduzione storica che condusse alla nascita del laboratorio politico ed ecclesiale che fu la Toscana degli anni '50-'60 e che diede origine alla grande stagione del rinnovamento conciliare e all'apertura del dialogo tra Chiesa e mondo.
Risultati attesi:
conoscenza del panorama storico-ecclesiale della Toscana della metà del '900.
Fase 2
4 ore
Vita di Lorenzo Milani attraverso la biografia “Dalla parte dell'ultimo” di Neera Fallaci.
Risultati attesi:
conoscenza della vita di lorenzo Milani
Fase 3
5 ore
Spiritualità e teologia di don Milani e
analisi dei testi più significativi del priore di Barbiana:
Lettera ad una professoressa,
Lettera ai cappellani militari
Lettera ai giudici.
Risultati attesi:
Conoscenza degli scritti più significativi e conosciuti di L. Milani in cui si esprime il suo pensiero
Fase 4
4 ore
Visione del film: Don Lorenzo Milani, priore di Barbiana con Sergio Castellitto
Risultati attesi:
Saper riflettere e sapersi confrontare su temi come la coscienza, la libertà, la responsabilità, la povertà, le scelte di vita.
Fase 5
4 ore
Conoscenza della vita di Giorgio la Pira. Il pensiero di La Pira sull'uomo, sulla città, sui poveri.
Risultati attesi:
Conoscenza della vita e del pensiero di Giorgio la Pira; aver maturato un senso di partecipazione alla vita sociale e responsabilità verso gli altri
Fase 6
1 ora
Il rapporto fra la Chiesa il mondo: prospettive del Concilio Vaticano II
Risultati attesi:
Sapersi introdurre al Vaticano II e al rapporto Chiesa-mondo
Fase 7
5 ore
Riflessione esistenziale sull'esperienza di Don Milani: le scelte di vita da compiersi in tensione fra libertà e fedeltà. (tratto da una conferenza del teologo moralista Enrico Chiavacci, 1987)
Risultati attesi:
Consapevolezza della complessità dell'esistenza e dell'importanza delle scelte personali come frutto della propria coscienza personale
Fase 8
Una mattina
VISITA A BARBIANA con conoscenza di un-ex alunno della scuola di don Milani.
Risultati attesi:
Conclusione del percorso e sintesi. Presa di coscienza che ogni cosa che ci circonda è fondamentale per la propria e altrui realizzazione: cfr "I care".
METODOLOGIA
Lezioni frontali; dialogo con gli studenti; strumenti multimediali; uscita didattica.
MONITORAGGIO VALUTAZIONE
Valuteremo i risultati e i processi attraverso diverse modalità:
durante le fasi intermedie (lezioni frontali) il monitoraggio sarà quello ordinario, proprio della
disciplina (IRC);
Al termine del percorso proposto è certamente significativa come verifica l'uscita a Barbiana, dove i ragazzi stessi possono misurare le proprie conoscenze e dove noi docenti possiamo rilevare i risultati e osservare direttamente sul campo il percorso conoscitivo e
formativo degli studenti, oltre alla loro partecipazione e al coinvolgimento, insieme alla loro capacità di mettersi in discussione e lasciarsi provocare dagli stimoli offerti.
.
DOCUMENTAZIONE
Raccoglieremo materiale relativo alla organizzazione e alla valutazione finale prevista dal progetto.
Tutto il materiale reperito a Barbiana, inoltre, sarà messo a disposizione della biblioteca.
RESPONSABILE WEB
NOCENTINI LUISA