PCTO - Percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento

Scritto da Stefano Degl'Innocenti. Inserito in PCTO||Percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento

Percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento (PCTO)

(già ASL - Alternanza Scuola Lavoro)

Il curricolo dei Percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento (PCTO) progetta una serie di attività improntate prioritariamente alla finalità educativa, alla scoperta di sé, allo sviluppo di capacità relazionali e alla promozione delle attitudini, per favorire la partecipazione attiva alla cittadinanza e la scelta post-diploma. Si coniuga all’esperienza di trasferimento dei saperi appresi a scuola, in competenze esercitate attraverso vari ambiti professionali del territorio.

Il nostro liceo, in ottemperanza alla legge n. 107 del 13 luglio 2015 e sulla base di una tradizione già consolidata, coinvolge nei PCTO tutte le classi terze e quarte. Per le classi quinte, in generale, i PCTO si trasformano in un percorso personalizzato di orientamento universitario sulla base delle offerte provenienti dalle Università toscane e dalle altre istituzioni culturali, anche indirizzate alle eccellenze, come ad esempio la “Scuola Sant'Anna” di Pisa.

Nelle classi terze, in considerazione delle difficoltà del passaggio dal biennio al triennio, le ore impiegate saranno meno numerose, ammonteranno a circa 30/40. Tenendo conto che si tratta del primo approccio degli studenti a questa esperienza, sarà posta attenzione alla sua presentazione alle classi e ai genitori, alle scelte iniziali, ai corsi sulla sicurezza e ai feedback indispensabili.
Nelle quarte gli studenti sono più consapevoli e più esigenti rispetto alle loro scelte future e il monte ore potrà salire a 50/60.
Nelle quinte, come si è detto precedentemente, il curricolo si adegua alle proposte di orientamento in uscita, salvo casi straordinari.

Tenuto conto della mission del Liceo da Vinci, che è quella di offrire una formazione scientifica competitiva, senza dimenticare la cultura umanistica, i nostri studenti sono accolti dalle realtà produttive e occupazionali più importanti del territorio:

  • Dipartimenti di Scuole universitarie,
  • Sistema delle Biblioteche Universitarie fiorentine,
  • Polo Museale di Firenze,
  • Soprintendenza Archeologica della Toscana,
  • Teatro della Pergola e di Rifredi,
  • Regione Toscana,
  • Ospedale Meyer e di Careggi,
  • Aziende nei settori chimico, informatico, elettronico e meccanico,
  • Associazioni di volontariato,
  • Associazioni di promozione sociale.

Partecipano USR, enti pubblici, Unicameralismo di Commercio della Toscana.

Analizzando i bisogni del Liceo abbiamo, inoltre, attivato alcune imprese simulate, tra cui:

  • IMPRESA FORMATIVA – LEONLAB - Gestione della compagnia teatrale del Liceo
  • IMPRESA FORMATIVA – TECH
  • IMPRESA FORMATIVA – LDV MUSIC CENTER - Produzione musicale
  • IMPRESA FORMATIVA – MICROIMPRESA DEI SERVIZI - Per il riordino della biblioteca scolastica e la gestione delle attività di catalogazione, prestito, letture ad alta voce.
  • IMPRESA FORMATIVA – LEOMAGAZINE TESTATA GIORNALISTICA E MEDIA – Per la realizzazione di un giornale online

Nel triennio 2007-2010 è stato svolto un corso di formazione sulle competenze necessarie ai tutor d'Istituto per l'allora Alternanza scuola lavoro, durante il quale è stata formata anche la prof.ssa Anna Maria Bracciante.

Dal 2010 la tutor di Istituto ha effettuato un itinerario formativo interno per i colleghi; negli anni successivi sono stati poi realizzati corsi avanzati, finanziati dalla Provincia di Firenze a cui hanno partecipato numerosi docenti del Liceo.

A partire dall'anno scolastico 2018-2019 l’organigramma dei PCTO è stato ristrutturato e adeguato alle nuove esigenze della scuola. È stato creato un team, coordinato dalla prof.ssa Monica Camurri, composto dagli insegnanti formati negli anni e scelti in modo da rappresentare tutti i dipartimenti.

IL TEAM

Il team vaglia l’offerta dei PCTO e seleziona quelli più aderenti al profilo della scuola; scrive il progetto e/o collabora alla sua stesura con l’ente esterno; associa, dove possibile, le discipline affini e definisce le competenze disciplinari coinvolte nei percorsi con il supporto dei dipartimenti interessati; individua, dove possibile, gli argomenti per la curvatura disciplinare; propone prove di verifica per facilitare i valutatori.
In un secondo momento propone gli abbinamenti dei PCTO delle terze e quarte ai relativi coordinatori e segretari.
Infine, in fase di progettazione dei percorsi, con il supporto dei dipartimenti, individua il/i docente/i della/e disciplina/e maggiormente coinvolta che sarà/anno chiamato/i a valutare l’attività svolta.

IL CONSIGLIO DI CLASSE

Accoglie, con eventuali osservazioni, le proposte del team e ripartisce al suo interno gli incarichi di monitoraggio, attuazione e valutazione.
Il coordinatore e il segretario hanno l’incarico di seguire il percorso complessivo dei ragazzi.
Il segretario, in particolare, ha quello di ricevere, controllare e conservare la documentazione degli studenti.
Il Cdc ha anche il compito di inserire i dati del percorso nella piattaforma digitale che li archivia. L’eventuale tirocinio estivo viene valutato a settembre, al rientro a scuola.

LA SEGRETERIA

Per quanto riguarda gli aspetti burocratici il team indica alla segreteria le convenzioni da attivare. La segreteria si occupa anche della compilazione di attestati e certificazioni.

CRITERI DI VALUTAZIONE

  • Valutazione del tutor aziendale
  • Disciplina e rispetto delle regole nelle varie fasi, specie durante il tirocinio. Il comportamento durante l’attività può influire sulla condotta nello scrutinio di giugno
  • Capacità organizzativa autonoma specialmente per quanto riguarda la documentazione e la produzione finale
  • Ricaduta sulla valutazione curricolare di materie affini al percorso svolto scelte in base alla progettazione e alla definizione delle competenze disciplinari coinvolte nei percorsi individuate con il supporto dei dipartimenti interessati.

CONTATTI MODULISTICA ASL E GRUPPO FACEBOOK PER L'ASL

Scritto da Tessitore Giovanni Battista . Inserito in PCTO||Percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento

Per ogni dubbio inerente la ricerca e il posizionamento dei moduli sul sito per l’Alternanza Scuola-Lavoro (non sul formato o i passaggi burocratici per i quali si rimanda ai tutor d’aula e scolastico), il referente per la modulistica è il prof. Giovanni Battista Tessitore, a cui si può scrivere utilizzando come indirizzo e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Esiste inoltre un gruppo Facebook dell’Alternanza Scuola-Lavoro del Liceo Scientifico Leonardo da Vinci di Firenze, a cui è possibile inviare notizie, post, foto, video che abbiano a che fare con l’Alternanza Scuola-Lavoro. Il link è: 

https://www.facebook.com/groups/1976575262608669/?source_id=353155171465088

 

Istruzioni per la gestione del fascicolo degli studenti

Scritto da Stefano Degl'Innocenti. Inserito in PCTO||Percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento

Gli studenti devono compilare in formato digitale il progetto e il patto formativo. Stampare i documenti e curare che siano completate a mano le parti che lo richiedono.

Consegnarne una copia al coordinatore o al segretario del consiglio di classe dieci giorni prima dell'inizio attività. Alcuni enti esterni chiedono la consegna degli originali, in questo caso lo studente deve farne una copia per l’archivio della scuola. All'inizio dell'attività gli studenti devono scaricare dal sito e stampare il registro presenze che va consegnato al tutor aziendale perché lo compili durante il percorso.

I segretari del consiglio di classe, dopo avere verificato la completezza e l'esattezza dei dati, raccolgono patti e progetti e curano che vengano apposti i timbri e la firma della Dirigente Scolastica.

Gli studenti al termine di ogni attività, dovranno consegnare al segretario del consiglio di classe:

  • una copia del patto formativo opportunamente compilata e validata in ogni parte dal tutor aziendale
  • una copia del progetto formativo
  • il registro presenze compilato

 Seguire, infine, le seguenti avvertenze:

- mettere in vista la parte di ogni patto dove apporre la firma della DS;

- mettere il timbro della scuola vicino alla firma (il timbro è disponibile in ogni ufficio amministrativo della scuola).

ALTERNANZA SCUOLA LAVORO (PtOF)

Scritto da Stefano Degl'Innocenti. Inserito in PCTO||Percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento

TITOLO PROGETTO
ASL - IMPRESE FORMATIVE SIMULATI (Impresa Tech: referenti proff. Giovanni Battista Tessitore e Giuseppe Rizzo - Hortus Officinalis: referente prof. Anna Maria Bracciante - LeonLab (attori, gestione, scenografi, costumisti, registi, giornalista per un gio  
Attuazione PtOF 2018 2019
Priorità 1 e 2  
P09 - Alternanza Scuola-Lavoro  
Tipologia
Progetto avente natura annuale  
DOCENTE RESPONSABILE
BRACCIANTE Anna Maria, MORESCALCHI Livia, TESSITORE Giovanni Battista, MANFREDI Lucia, DEL NERO Domenico, BALLERINI Giovanni, RIZZO Giuseppe  
ANALISI DEI BISOGNI
Il modello dell’Impresa formativa simulata rappresenta un’opportunità per apprendere, in un contesto operativo e organizzativo in tutto simile a quello aziendale, come strutturare un piano d’impresa, riducendo il periodo di permanenza dei giovani in strutture esterne, senza rinunciare alla qualità che l’esperienza pratica aggiunge al percorso formativo.  
DESTINATARI
Alunni del triennio  
FINALITÀ
Il modello su cui si basano le Imprese formative simulate consente agli allievi di operare nella scuola come se fossero in un’azienda. Ciò avviene attraverso la creazione, all’interno della scuola, di un’azienda laboratorio in cui è possibile rappresentare e vivere le funzioni proprie di un’impresa reale. Questo laboratorio è progettato e realizzato: secondo una logica di relazionalità orizzontale, che rapporta i giovani verso altri soggetti pubblici e privati; in funzione del contesto locale di riferimento e del mercato globale. Le aziende simulate si costituiscono, comunicano e realizzano transazioni, rispettando la normativa italiana come le aziende reali. Gli unici elementi non reali sono le merci e la moneta. Operare in simulazione aiuta i giovani a comprendere e analizzare i processi gestionali, le dinamiche e le tecniche di conduzione aziendale. L’attività di laboratorio favorisce la qualità dell’apprendimento e l’acquisizione della cultura d’impresa e, sebbene non possa, né intenda , essere sostitutiva del periodo da trascorrere in un ambiente lavorativo reale, pone i giovani nella condizione di utilizzare le competenze acquisite e di verificare la corrispondenza tra modello simulato e quello reale.  
OBIETTIVI
Sviluppo di attitudini mentali rivolte alla soluzione di problemi ed alla valutazione di esperienze di processo, superando la tradizionale logica dell’attività legata alla semplice applicazione di principi; una nuova cultura dell’apprendimento, con una progressiva riduzione delle attività in aula ed un potenziamento della didattica in forma laboratoriale, che privilegia l’apprendimento in gruppo ed agevola la cooperazione negli apprendimenti individuali; un apprendimento organizzativo orientato alla valorizzazione delle capacità di autodiagnosi e di autosviluppo dei giovani; la capacità di comprendere ed analizzare situazioni complesse; la capacità di effettuare scelte valutando situazioni alternative; le attitudini alla cooperazione e all’acquisizione della cultura d’impresa; l’attenzione dei giovani per l’aspetto etico nelle attività economiche.  
COLLABORAZIONI
Strategica Community Srl (creatore de "latuaideadimpresa")  
DURATA
Un anno scolastico  
Fase 1
Stesura della mission  
Fase 2
Analisi del mercato di riferimento  
Fase 3
Analisi competitiva del prodotto/servizio offerto  
Fase 4
Analisi della concorrenza  
Fase 5
Analisi dei fornitori  
Fase 6
Valutazione della sostenibilità ambientale e dell’impatto sociale  
Fase 7
Definizione delle risorse umane necessarie e dei ruoli assunti  
Fase 8
Valutazione della parte economico-finanziaria e tecnica  
Fase 9
Realizzazione di un video spot  
METODOLOGIA
Compilazione di un Business Plan e Realizzazione di un video spot  
DOCENTI INTERNI
Anna Maria Bracciante - Giovanni Battista Tessitore - Lucia Manfredi - Domenico Del Nero - Giovanni Ballerini - Giuseppe Rizzo  
DOCENTI ESTERNI; PERSONALE ESTERNO
 
MONITORAGGIO VALUTAZIONE
I risultati ottenuti nelle diverse fasi.  
DOCUMENTAZIONE
-  

TITOLO PROGETTO
ASL - SULL’ASPRO SENTIERO DEI DIRITTI UMANI  
Attuazione PtOF 2018 2019
Priorità 1 e 2  
P09 - Alternanza Scuola-Lavoro  
Tipologia
Progetto avente natura annuale  
DOCENTE RESPONSABILE
ZANI Stefano  
ANALISI DEI BISOGNI
Nel solco dei progetti di scrittura collettiva sui temi della cittadinanza attiva, dei diritti umani e della pace promossi dalla rivista TESTIMONIANZE e già svolti negli anni scorsi, il tema di quest’anno riguarda una riflessione sullo stato della conoscenza e del rispetto dei diritti umani a 70 anni dalla Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo. Si tratta di temi sempre attuali sui quali c’è scarso lavoro educativo e scarsa conoscenza da parte delle giovani generazioni, come risulta dai colloqui avuti coi ragazzi sulla conoscenza, l’articolazione interna e la violazione in moltissimi campi di diritti umani fondamentali anche all’interno della stessa Unione Europea.  
DESTINATARI
Alunni di alcune specifiche classi o sezioni (specificare nella Sezione Altro quali sono le classi coinvolte)  
FINALITÀ
promuovere la cittadinanza attiva e la partecipazione democratica come recita l’articolo 3 della Costituzione della Repubblica Italiana. Realizzare una forma di Alternanza Scuola-Lavoro pertinente con l’indirizzo liceale dell’Istituto e comune a tutta la classe.  
OBIETTIVI
Rendere consapevoli e individuare la violazione dei diritti dell’uomo contribuendo a pubblicizzare presso un pubblico più ampio la consapevolezza intorno a questi temi promuovendo campagne di sensibilizzazione presso l’opinione pubblica e i media. Realizzare un progetto di Alternanza scuola-lavoro della durata di 25 ore complessive a cui partecipa tutta la classe.  
COLLABORAZIONI
rivista TESTIMONIANZE  
DURATA
dal 17 settembre 2018 al 10 giugno 2019  
Fase 1
Presentazione del progetto alla classe: la scrittura collettiva e il lavoro di gruppo. La finalità della cittadinanza attiva e della partecipazione democratica nell’ambito dell’Alternanza Scuola-Lavoro (1 ora)  
Fase 2
Programmazione del lavoro (metodoligia e finalità). Lettura e commento della Dichiarazione Universale dei diritti dell’uomo (2 ore)  
Fase 3
Il sostrato storico da cui emerge la Dichiarazione. (2 ore)  
Fase 4
Divisione in gruppi e scelta dei temi specifici di ciascun gruppo. Primi approfondimenti e individuazione, lettura e commento del materiale all’interno di ciascun gruppo (5 ore)  
Fase 5
Prima stesura del tema di approfondimento scelto e discussione all’interno del gruppo (4 ore)  
Fase 6
Esposizione all’intera classe degli argomenti approfonditi da ciascun gruppo individuando punti di forza e criticità (2 ore)  
Fase 7
Seconda stesura del tema di approfondimento scelto e discussione dell’intera classe. Individuazione del cammino fatto e stesura dell’Introduzione (4 ore)  
Fase 8
Riesposizione alla classe del lavoro, definizione del titolo, consegna alla redazione della rivista del lavoro e pubblicazione (2 ore)  
Fase 9
Presentazione pubblica del numero della rivista (3 ore)  
METODOLOGIA
il progetto di scrittura collettiva parte da un confronto su un tema comune, lo discute, lo articola con lavori di gruppo e propone una sintesi complessiva del lavoro di tutti  
DOCENTI INTERNI
ZANI STEFANO  
DOCENTI ESTERNI; PERSONALE ESTERNO
 
MONITORAGGIO VALUTAZIONE
Consegna della pubblicazione dell’articolo all’Istituto  
DOCUMENTAZIONE
 

TITOLO PROGETTO
ASL - ERBARIO PAVOLINI  
Attuazione PtOF 2018 2019
Priorità 1 e 2  
P09 - Alternanza Scuola-Lavoro  
Tipologia
Progetto Pluriennale (continuazione di un progetto in corso)  
DOCENTE RESPONSABILE
FEI Alessandro  
ANALISI DEI BISOGNI
1) Il progetto è iniziato l’anno scorso con l’allora classe IIB e continua per tutto questo anno scolastico. Nello scorso anno gli studenti hanno catalogato e musealizzato l’erbario Pavolini del nostro Liceo (al momento attuale non ancora inventariato) ed hanno condotto delle ricerche sul suo allestitore, il prof. Angiolo Ferdinando Pavolini. Hanno inoltre realizzato un articolo scientifico che sarà presentato il 13 ottobre 2018 al Convegno Regionale di Scienze Naturali "Codice Armonico 2018" a Rosignano Marittimo (LI). 2) Da contatti avvenuti nello scorso anno scolastico con la prof.ssa Garfagnoli, elbana, si è sviluppato un progetto di gemellaggio con il Liceo Scentifico "Raffaello Foresi" di Portoferraio (LI): nel marzo del prossimo anno gli studenti della 3A del "Foresi" verranno tre giorni in gita a Firenze e saranno guidati dai nostri studenti; successivamente, nel mese di maggio, gli studenti della 3B del nostro Liceo organizzeranno una mostra dell’erbario elbano a Portoferraio, nell’ambito di una gita all’Isola d’Elba in cui saranno guidati dagli studenti elbani a visitare monumenti e parchi minerari.  
DESTINATARI
Alunni di alcune specifiche classi o sezioni (specificare nella Sezione Altro quali sono le classi coinvolte), Classe 3B Liceo Da Vinci + Classe 3A Liceo Foresi  
FINALITÀ
Gemellaggio tra i due licei attraverso la realizzazione della mostra dell’erbario  
OBIETTIVI
1) realizzazione di una serie di schede sui principali monumenti fiorentini che saranno visitati durante il soggiorno degli studenti elbani a Firenze; l’indicatore di valutare è la scheda stessa 2) allestimento di teche per la realizzazione della mostra dell’erbario; l’indicatore di valutazione è la teca stessa; 3) visite guidate agli studenti elbani in visita a Firenze; indicatore di valutazione schede di gradimento 4) realizzazione di una mostra dell’erbario nel nostro Liceo (27/3/18); indicatore di valutazione schede di gradimento 5) realizzazione di una mostra dell’erbario a Portoferraio (2/5/19); indicatore di valutazione schede di gradimento  
COLLABORAZIONI
Liceo Scientifico "Raffaello Foresi" Portoferraio - referente prof.ssa Francesca Garfagnoli  
DURATA
da ottobre 2018 a fine maggio 2019  
Fase 1
ALLESTIMENTO PRESENTAZIONE DEL LAVORO AL CONGRESSO - dall’inizio delle lezioni al 13 ottobre 2018; risultati attesi: pubblicazione del lavoro sugli atti del Convegno  
Fase 2
PREPARAZIONE DELLE TECHE PER LA MOSTRA DELL’ERBARIO - il martedì pomeriggio nei mesi di dicembre 2018 e gennaio 2019; risultati attesi: preparazione di n. 40 teche; ALLESTIMENTO DEI FOGLI ILLUSTRATIVI - il martedì pomeriggio nei mesi di gennaio-febbraio 2  
Fase 3
VISITE GUIDATE DEGLI STUDENTI ELBANI AI MONUMENTI FIORENTINI - metà del mese di marzo 2019; indicatore di valutazione schede di gradimento  
Fase 4
ALLESTIMENTO DELLA MOSTRA NEL NOSTRO LICEO - 19 e 26 marzo 2019 preparazione mostra; 27 marzo 2019 ore 15-18 mostra; indicatore di valutazione schede di gradimento  
Fase 5
MOSTRA DELL’ELBA - aprile 2019 preparazione ed imballaggio delle teche, invio dei campioni tramite corriere - primi di maggio 2019 mostra all’Elba (indicativamente 2 maggio 2019 ore 11-19)  
Fase 6
 
Fase 7
 
Fase 8
 
Fase 9
 
METODOLOGIA
Gli studenti prepareranno il materiale sotto la guida del prof. Fei nel Laboratorio di Biologia e nell’Aula di Informatica.  
DOCENTI INTERNI
prof. FEI - referente; prof. BIGIARINI - accompagnatore  
DOCENTI ESTERNI; PERSONALE ESTERNO
prof.ssa FRANCESCA GARFAGNOLI - LICEO FORESI (PORTOFERRAIO)  
MONITORAGGIO VALUTAZIONE
schede di gradimento  
DOCUMENTAZIONE
FEI Alessandro  

Visita al Deposito di Rotabili Storici di Pistoia

Scritto da Tessitore Giovanni Battista . Inserito in PCTO||Percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento

Il Liceo, nell'ambito delle attività di Alternanza Scuola-Lavoro, ha visitato il Deposito di Rotabili Storici di Pistoia nel quadro della manifestazione "Porte Aperte al DRS". Il tutto è avvenuto sotto la guida del prof. Giovanni B. Tessitore, socio CIFI e appassionato di ferrovie.

La fotogallery dell'evento è al link:

https://www.facebook.com/pg/liceodavincifi/photos/?tab=album&album_id=1605877602859499

 

UA-129005089-1