LEGALITA’ E CONTRASTO AL BULLISMO E CYBERBULLISMO (2022 2023)

Anno scolastico 2022/2023

Progetto di Contrasto al Bullismo e Cyberbullismo

Progetto Realizzato

Presentazione

Data

1 Settembre 2022

Descrizione del progetto

08 POTENZIAMENTO DELLE COMPETENZE DI CITTADINANZA

LEGALITA’ E CONTRASTO AL BULLISMO E CYBERBULLISMO

Attuazione PtOF 2022 2023 Rif. PA ID Pof 20220830

Fase attuale del progetto Fase 1 – Progetto da presentare

Descrizione

Il Progetto di Contrasto al Bullismo e Cyberbullismo del nostro istituto si articola in 4 proposte volte a promuovere i valori della convivenza civile nel rapporto tra Pari, analizzando le diverse forme di bullismo e focalizzando la distinzione tra bullismo e reato:

1.’Lotta al Bullismo e Cyberbullismo’ a cura della Polizia Postale di Stato cdi Firenze con il Patrocinio della Prefettura
2. .’Train to be cool’-a cura della Polizia Ferroviaria
3.Dipendenze digitali : compilazione questionario online
3. App toYoung
4.Orientamento classi prime per favorire il benessere degli studenti all’interno del percorso formativo e tracciare eventuali disagi

Responsabile

Rosalba ALIOTA Giovanni Battista TESSITORE

Email del progetto: aliotarosalba@liceodavincifi.edu.it

ANALISI DEI BISOGNI

In Italia i dati ISTAT in merito al bullismo sono allarmanti: poco più del 50% dei ragazzi fra gli 11 e i 17 anni subisce offese e violenze da parte di altri ragazzi. Sono vittime del bullismo più i preadolescenti che gli adolescenti, più le femmine che i maschi. Nelle scuole superiori al primo posto c’è il liceo, poi gli istituti professionali, per ultimi gli istituti tecnici.

Poco importa se si tratta di bullismo diretto o di cyberbullismo con cellulare o internet! Il male arrecato è ugualmente enorme.

IL sempre crescente utilizzo di Internet condiziona le relazioni sociali, quelle interpersonali e i comportamenti di tutti.
Nel momento in cui ci si affaccia al mondo di Internet, non si sta semplicemente acquisendo una via di accesso a nuove forme di informazioni e relazioni: il flusso è, infatti, bidirezionale. Ci si espone, quindi, a una pratica di scambio non banale, che necessariamente comporta dei rischi. La vera sicurezza non sta tanto nell’evitare le situazioni potenzialmente problematiche quanto nell’acquisire gli strumenti necessari per gestirle. Il confronto è sempre un momento di arricchimento sul piano della conoscenza; ma ciò che è da tener presente, come emerge anche da recenti studi e statistiche, è che spesso e con facilità non si conosce chi sta al di là del monitor. Il confine tra uso improprio e uso intenzionalmente malevolo della tecnologia è sottile: si assiste, per quanto riguarda il bullismo in Rete, a una sorta di tensione tra incompetenza e premeditazione e, in questa zona di confine, si sviluppano quei fenomeni che sempre più frequentemente affliggono i giovani e che spesso emergono nel contesto scolastico.

DESTINATARI

Studenti di alcune specifiche classi o sezioni: .

DURATA

dal: 2022-09-15 al: 2023-06-10

STRUTTURA DEL PROGETTO

I progetti si articola in incontri di 1/2 ore. Verrà utilizzata una metodologia interattiva (visione di slides, video, scene di film) e partecipativa (discussioni di gruppo, esercitazioni, questionario).

Obiettivi

La nuova legge 71 dello scorso 29 maggio 2017 e le linee guida dell’Organizzazione Mondiale della
Sanità affidano alle istituzioni preposte all’educazione delle nuove generazioni due funzioni
principali in ordine all'educazione alla salute e alla prevenzione delle dipendenze patologiche:
quella informativa e quella formativa, da esplicare in modo continuativo e strutturale, attraverso
programmi che si avvalgano degli strumenti ordinari dell'attività scolastica e mediante un’azione
concertata e condivisa, laddove sia possibile, con le agenzie socio-sanitarie del territorio. La scuola
rappresenta il luogo in cui gli studenti quotidianamente sperimentano i processi di apprendimento,
vivendo straordinarie opportunità di crescita intellettuale, di maturazione, di acquisizione di
consapevolezza critica e di responsabilità ma, al tempo stesso, in cui si misurano anche con le
difficoltà, la fatica, gli errori, le relazioni con pari ed i momentanei insuccessi.Le finalità del progetto sono legate alle capacità di sviluppare o migliorare le competenze
emozionali, comunicative e relazionali degli alunni, di osservare le dinamiche degli alunni nella
classe e di supportare docenti e famiglie in momenti di difficoltà.
Nello specifico si sono perseguiti i seguenti obiettivi:
a breve termine:
-sviluppare negli attori scolastici la capacità di:
- individuare l’emergere e il verificarsi di comportamenti indesiderati;
- formulare una richiesta di aiuto;
- sviluppare in tutti gli attori scolastici un vissuto di maggiore appartenenza alla realtà della
scuola.
a medio termine:
- agevolare la comunicazione tra pari e mantenere un buon clima nella classe e nell’istituto;
- favorire ricadute positive sulla didattica;
- ridurre la dispersione scolastica.
a lungo termine:
- sviluppare nella scuola nuove competenze per un percorso riproducibile nel tempo e
confrontabile con altre realtà scolastiche o esterne.

Responsabile

Risultati

Punti salienti:
Monitoraggio e Valutazione:
Punti di Forza:
Criticità:

Schede progetto correlate